Scadenze, sostituzione porte antincendio

La Normativa antincendio disciplinata dal Decreto del 3 novembre 2004 che riguarda l’installazione e la manutenzione dei dispositivi per l’apertura delle porte installate lungo le vie di esodo si aggiorna, adesso, con l’ultimo Decreto, quello del 6 dicembre 2011.
Il Decreto in questione, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 24 dicembre scorso, modifica, appunto, il precedente prorogando di 2 anni il termine per la sostituzione delle porte antincendio.
Entro questo periodo, quindi, secondo quanto disciplinato dal Decreto, le porte poste lungo le vie di esodo previste dalla prevenzione antincendio nei luoghi di lavoro, dovranno essere sostituite con porte a norma UNI EN 1125 dotate di maniglioni antipanico.

Norma UNI EN 1125

La Norma europea riferisce in merito ai requisiti per la fabbricazione,  funzionamento e collaudo di dispositivi antipanico quali i maniglioni installati nei locali al fine di garantire la sicurezza di cittadini e lavoratori.
L’utilizzo di uscite definite “antipanico” garantisce a tutti, anche a coloro che non sono stati formati per l’utilizzo delle uscite di emergenza, di poter mettersi in salvo in caso di incendio. La UNI EN 1125 disciplina proprio le caratteristiche dei maniglioni antipanico che aprano porte nel senso della via dell’esodo, affinchè sia facile e immediato per tutti il loro utilizzo.

Secondo la Norma UNI EN 1125 i maniglioni antipanico vengono classificati sulla base di 9 caratteristiche:

  1. Categoria d’uso
  2. Durata
  3. Massa della porta
  4. Resistenza al fuoco
  5. Sicurezza per le persone
  6. Resistenza alla corrosione
  7. Sicurezza per i beni
  8. Sporgenza della barra
  9. Tipo di azionamento della barra