Interpelli sulla sicurezza sul lavoro – Novembre 2015

Il 2 novembre sono stati pubblicati sul sito del Ministero del Lavoro 5 nuovi interpelli sulla sicurezza sul lavoro:

  • 6/2015 – Corrispondenza tra codici Ateco e formazione RSPP
  • 7/2015 – Istituto della delega di funzioni di cui all’art. 16 del d.lgs. n. 81/2008
  • 8/2015 – Applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro in tema di sorveglianza sanitaria e di visita dei luoghi di lavoro da parte del medico competente
  • 9/2015 – Aggiornamento del formatore-docente ai sensi del decreto interministeriale 6 marzo 2013
  • 10/2015 –  Applicazione del DPR 177/2011 – ambienti sospetti di inquinamento o confinati – al d.lgs. n. 272/1999

Corrispondenza tra codici Ateco e formazione RSPP

L’interpello è stato inoltrato dalla Federazione Anie che chiede chiarificazioni circa la formazione dell’RSPP in funzione del codice ATECO dell’azienda e in particolare su come comportarsi nel caso in cui il codice sia stato modificato nel passaggio tra i codici del 2002 e quelli del 2007.

La Commissione risponde che bisognerà fare riferimento alle tavole di raccordo tra Ateco 2007 e Ateco 2002, disponibili sul sito Istat.

Istituto della delega di funzioni di cui all’art. 16 del d.lgs. n. 81/2008

Interpello inoltrato dall’Unione sindacale di Base Vigili del Fuoco che chiede se il soggetto individuato dal Datore di lavoro per la delega di funzioni prevista dall’articolo 16 del Testo Unico possa rifiutare tale delega.

La Commissione risponde che la possibilità di rifiutare la delega è prevista dal comma 1 dello stesso articolo in cui si richiede che la delega “sia accettata dal delegato per iscritto” .

Applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro in tema di sorveglianza sanitaria e di visita dei luoghi di lavoro da parte del medico competente

L’interpello riguarda due quesiti inoltrati dalla CISL riguardanti la richiesta di visita medica da parte dei lavoratori in specifiche circostanze e l’obbligo per il medico competente di visitare ogni ambiente di lavoro a prescindere dalla presenza di lavoratori soggetti a sorveglianza.

La Commissione risponde che la richiesta di sorveglianza sanitaria può essere effettuata da qualsiasi lavoratore, sarà a discrezione del medico competente decidere di accettare la richiesta, valutando se le problematiche accusate dal lavoratore possano essere riconducibili alla mansione svolta.
Per il secondo quesito, la Commissione fa riferimento al fatto che la visita da parte del medico competente dei luoghi di lavoro è legata alla valutazione dei rischi, perciò suo obbligo è di visitare tutti quegli ambienti di lavoro che possono presentare un rischio per i lavoratori, in accordo con le valutazioni effettuate con RSPP e datore di lavoro.

Aggiornamento del formatore-docente ai sensi del decreto interministeriale 6 marzo 2013

L’interpello inoltrato da Federcoordinatori riguarda l’uso del termine alternativamente nel DI 06/03/2013 per ciò che riguarda le modalità di aggiornamento della formazione del formatore per la sicurezza.

La Commissione risponde che il termine fa riferimento alla possibilità di scelta per il formatore delle modalità di aggiornamento (24 ore di seminari, convegni o corsi riguardanti l’area tematica di competenza e organizzati da soggetti autorizzati secondo l’art. 32 DLgs 81/08 oppure minimo di 24 ore di docenza nell’area tematica di competenza). Sottolineando che “Con il termine “alternativamente” si vuole dare possibilità al formatore di scegliere liberamente la tipologia di aggiornamento più confacente alla sua figura …

Applicazione del DPR 177/2011 – ambienti sospetti di inquinamento o confinati – al d.lgs. n. 272/1999

L’interpello è stato inoltrato da Confindustria e riguarda l’applicazione del DPR 177/2011 alle attività di manutenzione, riparazione e trasformazione navale.

La Commissione risponde che viene esclusa l’applicabilità del DPR n. 177/2011 nell’ambito delle lavorazioni disciplinate dal DLgs 272/1999.